Home Destinazione Sport Destinazione Sport: ospite Marco Autuori

Destinazione Sport: ospite Marco Autuori

by Francesco Di Pasquale
destinazione sport

Destinazione Sport è il programma trasmesso tutti i lunedì, dalle 12 alle 13 in diretta su Radio Castelluccio. Ospite di questa puntata Marco Autuori, capitano del Club Scherma Salerno.

Destinazione Sport: ospite Marco Autuori

Il format di SalernoSport24 condotto da Francesco Di Pasquale e Lino Grimaldi Avino dal titolo Destinazione Sport in onda tutti i lunedì dalle 12 alle 13 su Radio Castelluccio. Seguici in diretta streaming sulla pagina Facebook di Radio Castelluccio e SalernoSport24. Ascolta la radio sulle frequenze FM 103.2 e 92.8.

Quali emozioni hai provato, a settembre, con la vittoria della Coppa Italia?

«È un traguardo storico per noi che la inseguivamo da un po’, per la città di Salerno credo sia un successo di prestigio. Un’emozione, siamo ormai uno dei primi club italiani, parteciperemo alla Coppa Europea che si svolgerà a Torino».

Ti è stato conferito un premio ovvero “Il Seminatore D’Oro”

«Si. Nonostante il nome particolare, è un premio istituito da molti anni dalla Federazione, gratifica un giovane maestro emergente».

È una disciplina praticabile da chiunque?

«È accessibile a tutti, ognuno ha il proprio approccio ma è uno sport per tutti».

Ricordi l’emozione di squadra e della dirigenza in quel pre match di settembre…

«Trattandosi di un torneo non ministeriale, la Coppa Italiana è riservata alle migliori due squadre civili del campionato in assoluto. L’idea di affrontare vecchi compagni di squadra visto che ho fatto parte del Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo. Le squadre ovviamente sono cambiate».

Marco, chi ti ha spinto, cosa ti ha ispirato a diventare maestro di scherma?

«Prima di essere maestro sono stato atleta. Ho partecipato al circuito di Coppa del Mondo, sfruttando l’esperienza, ora tramando le mie conoscenze ai ragazzi».

C’è una chiave per vincere gli incontri?

«In realtà no. Ognuno ha un approccio diverso alla pedana, c’è chi è più irruento e chi più pacato, l’abilità di un maestro è trovare la giusta chiave ad ogni allievo».

Come si avvicina un giovane alla disciplina?

«Molti per l’idea dello scontro, del duello, mediamente si avvicinano tra i sei o sette anni, sono fissati per le armi, o meglio per le spade».

A Salerno, ha considerazione la disciplina? Ci sono strutture adatte?

«Abbiamo un’ottima struttura per praticare lo sport, la palestra funziona…».

C’è stato o, hai sempre sognato, un avversario idolo?

«Ho sfidato abili schermidori. A volte è andata bane altre volte no, i match erano combattuti».

Un consiglio ai giovani che si avvicinano o vorranno avvicinarsi alla scherma?

«Venite a trovarci, la settimana prossima siamo di scena per una gara in Italia, poi volerò in Francia con un mio allievo, per andare successivamente a Zagabria con gli Under 20».

Qual è il tuo sogno legato allo sport?

«Non avendo raggiunto la meta da atleta, spero di arrivare da maestro alle Olimpiadi».

Alla prossima puntata, lunedì prossimo, dalle ore 12:00 alle ore 13:00…


La diretta social

La diretta FM