Home Destinazione Sport Destinazione Sport: ospite Matteo Pisapia

Destinazione Sport: ospite Matteo Pisapia

by Francesco Di Pasquale
destinazione sport

Destinazione Sport è il programma trasmesso tutti i lunedi, dalle 12:00 alle 13:00 in diretta su Radio Castelluccio. Ospite Matteo Pisapia, presidente Olympic Salerno.

Destinazione Sport: ospite Matteo Pisapia

Il format di SalernoSport24 condotto da Francesco Di Pasquale e Lino Grimaldi Avino dal titolo Destinazione Sport in onda tutti i lunedì dalle 12:00 alle 13:00 su Radio Castelluccio. Seguici in diretta streaming sulla pagina Facebook di Radio Castelluccio e SalernoSport24, ascolta la radio sulle frequenze FM 103.2 e 92.8

Presidente, spiegaci un pò come è nata l’Olympic?

«É nata ufficialmente il cinque settembre 2007, con un gruppo di amici con cui giocavo a calcio il lunedì sera. Un giorno chiesero se potevo aiutare a partecipare ad un torneo di calcio a cinque, subito dopo quel torneo avevano intenzione di iscriversi al campionato di terza categoria. Così nasce l’Olympic».

Parlando di colori e logo, il delfino richiama un pò la Rotonda giusto?

«Esatto, piazza Flavio Gioia di Salerno, ispirandoci ai colori dell’Atletico Madrid. Io giocavo a pallacanestro da piccolo, il mio mito erano gli Harlem Globetrotters, quando Bobo Vieri andò a giocare all’Atletico Madrid trovai ispirazione. Il logo è un delfino, avevamo intenzione di creare una mascotte e l’abbiamo creata, Holy».

Secondo te una città come Salerno ha spazi necessari per costruire e sfruttare spazi per praticare sport?

«Prima di costruire casa Olympic mi sono fatto un’idea sugli spazi a disposizione per costruire l’impiantistica sportiva. A Salerno gli spazi ci sono». 

Come sta andando il campionato, siete quarti?

«Si, la prima squadra è la punta dell’iceberg, ogni anno si spera nel successo fino alla fine. I ragazzi hanno incassato cinque vittorie consecutive».

Da presidente quanto è difficile organizzare, coordinare ecc..

«Noi abbiamo quattordici squadre, con incluso il settore giovanile. Io non sono presente a tutte le partite ma ci sono i miei responsabili, avere molti associati riempie il calendario». 

La mia domanda è d’obbligo, qual è il tuo rapporto con gli arbitri? Sei mai andato in silenzio stampa per via degli arbitri?

«Ogni anno facciamo una fotografia con i due capitani e l’arbitro proprio per far distendere gli animi».

Vogliamo sapere di più di Casa Olympic…

«É un centro sportivo, dove si vive lo sport nel modo più giusto, abbiamo molti servizi e consulenti, c’è una sala dove i genitori possono assistere agli allenamenti in giorni piovosi al coperto, oltre i campi al coperto». 

Il rapporto tra genitori e atleti?

«I miei genitori erano di un’altra generazione, prima lo sport veniva scelto per i principi ovvero, socializzare, imparare a stare tra la gente. Ora il nuovo prototipo di genitore pensa che il figlio debba vincere per diventare qualcuno, ovviamente quest’idea di pensiero è sbagliata, l’idea del vincere e perdere aiuta la crescita di un bambino, affrontare problematiche come quella della superiorità dell’avversario può far riflettere. Spero che i genitori chiedano ai figli se si divertono agli allenamenti. La professione da genitore è difficilissima al giorno d’oggi».

Alla prossima puntata, lunedì prossimo, dalle ore 12:00 alle ore 13:00…


La diretta streaming

La diretta radio FM