Home Eventi Massimo Ranieri al Meeting del Cervati 2019 con la sua “Malia napoletana”

Massimo Ranieri al Meeting del Cervati 2019 con la sua “Malia napoletana”

by Benedetta Gambale

La cima più alta della Campania farà da scenografia al raffinato show con un quintetto all star del jazz internazionale. Domenica 25 Agosto concerto gratuito a Sanza, l’unica data estiva in Campania dello show con il quintetto jazz.

Mentre continua a conquistare i teatri di tutta Italia con il suo spettacolo “da Sogno”, Massimo Ranieri si appresta a incantare,in esclusiva per l’estate, le platee di alcune delle più suggestive location della Penisola con la sua raffinata “Malia Napoletana”, uno show omaggio alla grande canzone partenopea degli anni 1950-1960 rivisitata e riarrangiata in chiave contemporanea.

In Campania l’appuntamento è fissato a Sanza presso la Villa Comunale di Piazza San Francesco domenica 25 agosto (ore 21.30) in occasione del Meeting del Cervati 2019, con la vetta più alta della regione a fare da suggestiva scenografia.Il concerto – gratuito – sarà l’evento clou del programma di valorizzazione culturale territoriale promosso dal Comune di Sanza con il contributo della Regione Campania (POC Campania 2014-2020).

Esattamente tra un mese, l’incanto naturalistico nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano si incrocerà con la poetica interpretazione di Ranieri e la musica di cinque grandi protagonisti del jazz internazionale per uno dei pochi magici appuntamenti estivi con lo show. A partire da un’epoca magica per la canzone napoletana più̀ ballabile e coinvolgente, Ranieri proporrà alcune perle del repertorio partenopeo, da “Malafemmina” a “Dove sta Zazà”, passando per “Strada ‘nfosa” di Modugno e “Torero” di Carosone, brani famosissimi che acquistano nuovo fascino grazie alla rilettura inedita e alla voce dell’artista, capace come pochi di creare emozioni che dal vivo diventano ancora più intense. Ad accompagnarlo in questo inedito percorso un favoloso gruppo di Maestri del jazz: Stefano Di Battista ai sassofoni, Marco Bioschi alla tromba, Rita Marcotulli al pianoforte, Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Israel Varela alla batteria.

Il risultato è uno show che sorprende per la raffinatezza e l’originalità della rielaborazione delle canzoni morbida ed essenziale, spesso intessuta di assoli ammalianti, creando un mix ironico e frizzante tipico dell’espressività partenopea e, al tempo stesso, elegante e pieno di sfumature dal sapore americano. Complice anche la cornice naturale, l’appuntamento a Sanza – realizzato con la collaborazione di Anni 60 Produzioni – sarà dunque sicuramente un evento da non perdere.